Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- Review / Biologia -
Nanotubi di carbonio biodistribuzione e tossicità  

Nanotubi di carbonio biodistribuzione e tossicità


ISBN/ISSN digitale: 978-88-7110-469-0/3
Categoria: Review / Biologia
Autore: Omar Valentini
Anno di pubblicazione: 2018
Pagine: 73
Formato: on line


digitale - codice: MC2018_0118_03 - 9,99 €    


Descrizione:

Una volta resi sufficientemente idrosolubili attraverso la modulazione funzionale covalente o l’adsorbimento di polimeri tensioattivi, i nanotubi di carbonio possono essere somministrati per via intravascolare e raggiungere organi e tessuti attraverso il circolo ematico. Questa rappresenta la via di somministrazione più importante per le applicazioni sia diagnostiche che terapeutiche, ma varie altre vie sono possibili, di tipo sia enterale sia parenterale.

Particolare interesse suscita il possibile impiego dei nanotubi di carbonio nella terapia di tumori altamente aggressivi, come per esempio il glioblastoma multiforme, un tumore cerebrale che presenta una sopravvivenza media di 12-15 mesi e una sopravvivenza a 5 anni inferiore al 5%. Su questo tumore spesso la terapia farmacologica si dimostra inefficace. Santos T. et al. hanno sperimentato la terapia fototermica con nanotubi di carbonio su topi con impianto sottocutaneo di cellule di glioblastoma resistenti ai chemioterapici, ottenendo la regressione del tumore dopo una sola irradiazione con luce infrarossa.

Questi e altri risultati in vivo sugli animali fanno ben sperare per possibili applicazioni mediche sull’Uomo.

Non è dunque affatto irragionevole pensa­re che, se opportunamente progettate, o, se si preferisce, “ingegnerizzate”, le nano­particelle grafeniche, come lo sono i fullereni e i nanotubi di carbonio, potrebbero fornire un significativo e positivo contri­buto in ambito clinico sia nella diagno­stica per immagini sia nella lotta che vede l’odierna medicina impegnata con tutte le sue forze: quella contro il cancro.

LA “BIOCORONA”

INTERAZIONI CON LE MEMBRANE CELLULARI

DISTRIBUZIONE IN ORGANI E TESSUTI

DEGRADAZIONE CHIMICA DEI NANOTUBI

TOSSICITÀ

Esposizione polmonare

Nanotubi di carbonio a parete multipla

Nanotubi di carbonio a parete singola

Esposizione per via iniettiva

Via endovenosa

Via intraperitoneale

Via intrascrotale

Via sottocutanea

Esposizione per via enterale

Esposizione plurimodale

Effetti tossici in vitro

Esposizione nell’Uomo

Considerazioni conclusive


Ultime News




Articolo del 25/11/2019
Responsabilità civile della struttura sanitaria per una fatale infezione ospedaliera
Categoria: Giurisprudenza sanitaria

maggiori informazioni ››

Articolo del 10/11/2019
Intervento di cataratta e successiva complicanza non affrontata tempestivamente
Categoria: Giurisprudenza sanitaria

maggiori informazioni ››

Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio