Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- Review / Cardiologia -
Aspetti emodinamici e cardiomiopatia nella sepsi  

Aspetti emodinamici e cardiomiopatia nella sepsi

Letizia Barutta, Francesco Tosello, Elena Maggio 


ISBN/ISSN digitale: 978-88-7110-469-0/5
Categoria: Review / Cardiologia
Autore: AAVV
Anno di pubblicazione: 2018
Pagine: 37
Formato: on line


digitale - codice: MC2018_0118_05 - 9,99 €    


Descrizione:

La sepsi è una condizione clinica definita come la manifestazione di una disfunzione d’organo pericolosa per la vita causata da una sregolata risposta dell’ospite a un’infezione. Lo shock settico costituisce un sottogruppo di tale patologia caratterizzato da anomalie emodinamiche e cellulari-metaboliche tali da determinare un ulteriore aumento della mortalità (fino al 40%). La presenza di disfunzione d’organo è individuata per incrementi dei valori di SOFAscore≥2, mentre la presenza di ipotensione persistente (MAP<65 mmHg) e lattatemia>2 mmol/l (18 mg/dl) dopo adeguato riempimento volemico individua una condizione di shock settico. Si tratta pertanto di una condizione complessa che coinvolge multipli apparati. Il sistema car­diovascolare svolge un ruolo centrale nella fisiopatogenesi della sepsi e il suo coinvolgimento ne influenza notevolmente la gestione. Le linee guida internazionali più recenti (Surviving Sepsis Campaign 2016) inseriscono la tecnica ecocardiografica nell’ambito della rivalutazione frequente dello stato emodinamico del paziente (Initial resuscitation, Statement 3 e 4) al fine di valutare la funzione cardiaca e determinare la tipologia di shock nei casi in cui la valutazione clinica non sia completamente dirimente (raccomandazioni Best Practice Statements) e nell’ambito dell’opportunità, quando possibile, di privilegiare l’impiego di variabili dinamiche rispetto a variabili statiche per prevedere la risposta ai fluidi (Initial resuscitation, Statement 5, raccomandazione debole a bassa qualità di evidenza). La disfunzione miocardica in corso di sepsi è tuttavia ancora poco conosciuta, viene definita e classificata in modo poco uniforme e tuttora non se ne conosce l’effettivo significato fisiopatologico e prognostico.

INTRODUZIONE

CENNI DI FISIOPATOLOGIA

Variabili ecocardiografiche e derivate utili nello studio del DO2 nel paziente settico

LA CARDIOMIOPATIA SETTICA

Definizione

Patogenesi

Incidenza

Impatto prognostico

Pattern ecocardiografici di disfunzione miocardica in corso di sepsi

Cardiomiopatia settica e biomarcatori

CONCLUSIONI


Ultime News




Articolo del 10/10/2019
Presunta infezione nosocomiale e prova del nesso causale con la dedotta condotta
Categoria: Giurisprudenza sanitaria

maggiori informazioni ››

Articolo del 10/10/2019
La semplice raccolta di dati sanitari dei pazienti attraverso apparecchiature di autodiagnosi site in un centro commerciale non costituisce fatto penalmente rilevante
Categoria: Giurisprudenza sanitaria

maggiori informazioni ››

Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio