Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 18/02/2021

Categoria: Giurisprudenza sanitaria

Violazione del codice deontologico e conseguente sanzione disciplinare a carico di tre medici


a cura di Sergio Fucci


A tre medici legali viene affidato dal P.M. l’incarico di valutare l’esistenza di eventuali profili di responsabilità a carico di un cardiologo.
 


 
 
La consulenza evidenzia che il cardiologo aveva agito con imprudenza e imperizia per avere refertato come normale un ECG che invece presentava alterazioni patologiche meritevoli di approfondimento e, quindi, il professionista viene rinviato a giudizio e poi assolto.

Il cardiologo, concluso il procedimento penale, segnala al competente Ordine dei medici il comportamento dei predetti colleghi che avevano espresso un giudizio sulla sua condotta professionale senza avvalersi della collaborazione di uno specialista in materia.
 
I tre medici legali vengono quindi sottoposti a procedimento disciplinare e sanzionati con la censura per la violazione dell’art. 62 del codice deontologico. In appello la Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie conferma la sussistenza dell’illecito, ma riduce la sanzione da censura ad avvertimento.
 
I tre periti ricorrono in cassazione sostenendo l’inesistenza della contestata violazione della deontologia medica.
 
La Corte di Cassazione, seconda sezione civile, con la recente sentenza n. 1600/2021, depositata il 26/01/21, respinge il ricorso affermando che l’art. 62 del codice deontologico (sia nella versione del 2006 che in quella del 2014) impone al medico legale, anche se nominato dal PM, di associarsi ad un collega specializzato nella materia di cui si discute (in questo caso, cardiologia) in quanto nei giudizi di responsabilità professionale è richiesta la massima prudenza e cautela.


CGEMS consiglia ...


Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio