Carrello C.G. Edizioni Medico Scientifiche          Facebook C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Google + C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Linkedin C.G. Edizioni Medico Scientifiche    Newsletter C.G. Edizioni Medico Scientifiche
C.G. EDIZIONI MEDICO SCIENTIFICHE    /    +39 011 37.57.38    /    cgems.clienti@cgems.it    /    accedi all'area
- News -
Cerca nelle News






Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter di aggiornamento scientifico

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione


Privacy Policy

‹‹ Le nostre News




Articolo del 05/11/2017

Categoria: Giurisprudenza sanitaria

Patteggiamento per illeciti penali e danno erariale cagionato dall’oculista.


a cura di Sergio Fucci


Un oculista, specialista ambulatoriale in servizio presso un ospedale, accusato di avere dolosamente dirottato presso il proprio studio privato pazienti che nel corso degli anni 2011-2012 si erano rivolti alla struttura pubblica per visite inerenti il rinnovo della patente di guida e di avere conseguito mediante false attestazioni corrispettivi non dovuti per lavoro straordinario, ritiene di patteggiare la pena ex art. 444 cpp.



La Procura presso la competente sezione giurisdizionale della Corte dei Conti cita in giudizio il predetto professionista affermando che il suo comportamento ha cagionato un danno erariale all’ospedale quantificato in euro 83.867,00 per i mancati introiti relativi alle visite per la patente e in euro 16.234,83 per i corrispettivi ingiustamente percepiti per straordinario in realtà non effettuato.

La Corte dei Conti, sezione giurisdizionale per il Lazio, con la recente sentenza n. 239/2017, depositata il giorno 07/09/2017 ritiene sussistenti gli illeciti amministrativi contestati all’oculista, e lo condanna al pagamento della somma complessiva di euro 50.000.00 riducendo così la pretesa erariale.

I giudici, in particolare, rigettano le deduzioni difensive inerenti la mancanza di prove degli illeciti in quanto ritengono che la sentenza penale di patteggiamento assume nel processo valore probatorio a carico dell’oculista in mancanza di elementi contrari idonei a contrastarla e che, comunque, nel caso di specie, sussistono altri elementi (emergenti dalle indagini effettuate dai Carabinieri) che dimostrano la sussistenza degli illeciti amministrativi contestati.

I giudici, inoltre, ritengono interamente provato attraverso vari documenti il danno erariale richiesto per i corrispettivi per lo straordinario ingiustamente percepiti attraverso false attestazioni , mentre riducono l’entità del danno effettivamente patito dalla struttura pubblica per il dirottamento dei pazienti presso lo studio privato dell’oculista operando al riguardo una liquidazione equitativa del danno non essendo stati ascoltati tutti i 2147pazienti che la Procura ha sostenuto essere stati dolosamente inviati presso il predetto studio pur essendosi rivolti all’ospedale.

Il danno complessivo posto a carico del dipendente pubblico per tutti gli episodi contestati viene quindi quantificato euro 50.000.00.

Dalla sentenza in commento emerge che dal patteggiamento operato in sede penale possono conseguire ulteriori responsabilità di carattere amministrativo.



Copyright © 2017, C.G. Edizioni Medico Scientifiche S.r.l. con socio unico  -  Tutti i diritti Riservati  -  P.iva 02571140017
Privacy e Condizioni   -  Via Brissogne, 11 - 10142 Torino  -  E-mail: cgems.clienti@cgems.it  -  Admin
Created by GIGA Studio